Ma ti sei lavato le mani?

Nello scorso anno la pandemia del COVID-19 ha imperversato per tutto il pianeta, e ha gettato il focus sull’ igiene: immaginate quante volte abbiamo usato gel o liquidi igenizzanti in questo periodo. Durante questa esperienza parleremo di microbi, alghe, virus, ed altre robette!

La scienza che si occupa della classificazione di tutte le cose si chiama “Tassonomia”, e tutto parte da una doverosa distinzione tra la materia non vivente e quella vivente, ovvero i Mineralia, che sono appunto rocce ed altre cose inanimate, ed i Bioti, che è un “super dominio” che racchiude tutto ciò che è vita, in tutte le sue infinite sfumature.

Andando oltre, il dominio dei Bioti si compone di altri domini:

  • I Procarioti, che sono con tutta probabilità i primi organismi sviluppati sulla terra. Appartengono a questo dominio quelli che vengono comunemente chiamati batteri. Sono gli organismi in assoluto più abbondanti sul nostro pianeta, pensate che ci sono più procarioti sulla terra che stelle in tutto l’universo visibile!
  • Eucarioti: Sono la versione “evoluta” dei procarioti, molto più grandi dei procarioti, e molto più complessi!
  • Virus: Sono delle “entità” biologiche, che sono costrette ad entrare nelle cellule dei procarioti ed eucarioti per riprodursi, distruggendo i loro ospiti nel processso.
  • Prioni: Sono fondamentalmente proteine impazzite, che causano gravissimi danni agli organismi

Procarioti

Il dominio dei procarioti si divide in due regni: gli Archea ed i Bacteria.

Gli Archea sono probabilmente i primi organismi nati sul nostro pianeta, e di conseguenza sono piccolissimi e molto semplici, ma non lasciatevi trarre in inganno: sono capaci di sopravvivere, anzi, di proliferare tranquillamente negli ambienti più inospitali, come pozze d’acqua caldissima, ambienti estremamente acidi o basici, essendosi sviluppati, appunto, nella terra primordiale, che era tutto fuorché ospitale!

I Bacteria (Batteri) sono il regno più abbondante sul nostro pianeta, ma nonostante ne esistano così tante specie, solo una piccolissima minoranza sono dannosi per l’uomo, anzi: ci sono tantissime specie che ci servono per sopravvivere! Pensate all’Escherichia coli, che è un batterio simbionte di noi umani: Grazie ai miliardi di E-coli presenti nel nostro intestino siamo capaci di assumere vitamina K!


Eucarioti

Gli eucarioti sono organismi più complessi rispetto ai procarioti: la loro caratteristica principale è l’avere un nucleo che contiene il DNA ed, inoltre, l’avere in simbiosi al proprio interno un’altra cellula procariota, che col tempo si è “evoluta” in un organello chiamato mitocondrio, predisposto alla produzione di energia!

Il dominio degli Eucarioti è composta da diversi regni:

  • Protozoa: Sono organismi principalmente unicellulari (ma ne esistono anche che si organizzano in sistemi più complessi), principalmente eterotrofi (ovvero mangiano altre cellula). Sono caratterizzati da una alta mobilità, grazie a ciglia, flagelli o, come le amebe, strisciano.
  • Chromista: Come i protozoi, i chromisti sono principalmente unicellulari, ma per lo più autotrofi (ovvero si producono loro stessi il cibo con la fotosintesi).
  • Fungi: In questo regno entrano tutti i funghi ed i lieviti, responsabili per esempio della lievitazione del pane! I funghi possono essere sia unicellulari che pluricellulari, e sono sempre eterotrofi, e sono caratterizzati dall’avere un film attorno alle cellule fatto di chitina.
  • Plantae : Entrano in questo regno organismi sia unicellulari che pluricellulari, ma sempre autotrofi! Un’altra caratteristica è che le cellule delle piante sono rivestite da uno spesso strato di cellulosa.
  • Animalia: Comprendono solo organismi eterotrofi e pluricellulari! E ovviamente gli esseri umani appartengono a questo regno!

Ma quindi, cosa è la vita?

Ah beh, sulla definizione di vita c’è un ampio dibattito, sia in Biologia che in Filosofia! C’è chi dice che è un insieme di reazioni chimiche, chi dice che la vita è qualcosa di diverso.
Tradizionalmente viene insegnato che Vita è ciò che nasce, cresce, si riproduce, e muore. Ma è una definizione molto vaga, nel quale per esempio rientra il fuoco, certe rocce, cristalli, etc. Quindi bisogna andare più a fondo alla questione.
Al momento, la definizione più condivisa è questa:

La Vita è un sistema chimico che si auto sostiene e che si evolve darwinianamente

Ovvero, un “qualcosa” che si mantiene distinto dall’ambiente esterno (pensate alle membrane delle cellule) e che si evolve, ovvero che col tempo si riproduce, trasmettendo ai suoi figli, adattamenti ad un nuovo ambiente o “migliorie”

Ma come si è detto prima, il dibattito è ancora aperto: prova tu a pensarci coi tuoi amici e dai una definizione! Intanto, eccoti un video su questo argomento! E’ in inglese, ma ci sono i sottotitoli in italiano!


Pages: 1 2